Jamendo, la nuova musica

Intendo oggi pubblicare un articolo, non mio, riguardo ad un sito a cui mi sono affezionato subito, tant’è che ho pure contribuito alla traduzione in italiano.

Tanta musica da tutto il mondo, gratis. Non è legale? Sbagliato! Chi ha inventato Jamendo ha pensato a tutto. La musica che si può ascoltare su Jamendo è autoprodotta, ma non è tutto, anzi. Sia per chi a cui la musica piace ascoltarla, sia per chi invece preferisce farla, Jamendo è un pozzo da cui attingere, un servizio da sfruttare appieno, anche perché completamente gratuito.

Ma andiamo per ordine. Per coloro che ascoltano solamente, è possibile sentire tutti gli album pubblicati, che possono essere scelti tramite la nuvoletta piena zeppa di tags suddivisi per genere, o sfogliare tra le ultime uscite, gli album del mese, e così via. E se la musica che abbiamo ascoltato ci piace, possiamo anche scaricarla. Ed è qui che scatta la genialità. Gli album si possono scaricare soltanto tramite P2P, in particolare tramite Emule e Bittorrent. Un modo per evitare di dover spendere troppo per uno spazio server che verrebbe altrimenti a costare caro, per chi vuole mantenere il sito “pulito” dall’ingerenza invasiva delle pubblicità. Inoltre, si possono postare recensioni che potranno essere integrate nel proprio blog in automatico, semplicemente fornendo l’indirizzo del proprio blog a Jamendo. Si può aiutare l’autore tramite donazioni, e in alcuni casi – se previsto dall’autore dell’opera – comprare una copia dell’album su cd.

I vantaggi e le possibilità per chi decidesse di pubblicare la propria musica (sotto forma di album, ep, demo, singolo) sono molteplici. Innanzi tutto ciò che si produce resta della proprietà dell’autore, che potrà scegliere sotto quale licenza Creative Commons pubblicare il proprio lavoro. Inoltre, per chi è alle prime armi nel mondo della musica, Jamendo può costituire un punto di partenza non indifferente, poiché oltre alla pubblicazione su Jamendo è possibile integrare link e feeds all’interno del proprio sito o blog. Jamendo è insomma un’ottima risorsa, nonostante sia ancora poco conosciuta ed utilizzata, che può competere – e probabilmente vincere, se continuerà a raccogliere proseliti – il confronto con altri siti di podcasting (myspace, odeo, hi5).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...